Presentazione del libro "Lacrime di Sale" di Lidia Tilotta e Pietro Bartolo

20 giugno | Palermo Youth Centre | via G. De Spuches, 20 - Palermo

«È gelida l'acqua. Mi entra nelle ossa. Non riesco a liberare la stazza dall'acqua. Uso tutta la mia forza e la mia agilità ma la lancia resta piena. E cado. Ho paura. È notte fonda e fa freddo. Siamo a quaranta miglia da Lampedusa e, se non riesco a farmi sentire subito, mi lasceranno qui e sarà la fine. Non voglio morire così. Non a sedici anni.»
Pietro Bartolo è il medico che da oltre venticinque anni accoglie i migranti a Lampedusa. Li accoglie, li cura e, soprattutto, li ascolta. Il libro che si presenta in occasione della Giornata mondiale per il rifugiato, scritto in collaborazione con la giornalista Lidia Tilotta, racconta la storia di questo dottore: la storia di un ragazzo mingherlino e timido, cresciuto in una famiglia di pescatori, che si è duramente battuto per cambiare il proprio destino e quello della sua isola. E che, non dimenticando le difficoltà passate, ha deciso di vivere in prima persona quella che è stata definita la più grande emergenza umanitaria del nostro tempo.
Alla presentazione sarà presente Lidia Tilotta, giornalista del TGR RAI, con Alessandra Sciurba, assegnista di ricerca presso l’Università di Bergamo con un progetto sul diritto d'asilo, autrice di numerosi saggi e di tre monografie sui temi delle migrazioni, della cittadinanza, delle frontiere e dello sfruttamento lavorativo delle persone migranti, una delle fondatrici della Clinica Legale per i Diritti Umani dell’Università diPalermo (Cledu), e coordinatrice per il CIAI del Progetto Ragazzi Harraga.

Parteciperanno anche gli ospiti della comunità i Girasoli, migranti accolti a Caltanissetta, protagonisti delle storie raccontate da Lidia Tilotta.
A chiusura della presentazione sarà offerto un piccolo rinfresco con i prodotti della stessa comunità.


Circolo Arci Thomas Sankara

20 giugno | via Campo delle Vettovaglie, ex Mercato Ittico, Messina

ore 21:00 AURYN regia di Antonio Vitarelli e Michele Falica, drammaturgia condivisa con i ragazzi intepreti dell'opera, minori stranieri non accompagnati seguiti dall'Albo Tutori Volontari. 

DJ Peoples Choice
afro e asian beat

In occasione della giornata del rifugiato presentiamo lo spettacolo teatrale interpretato dai minori stranieri non accompagnati, seguiti dall'Albo dei tutori volontari. Tra i protagonisti un ragazzino, con passaporto straniero, ma nato e cresciuto nella nostra città. Sarà l'occasione di entrare in contatto con due campagne nazionali: #withRefugees promossa da UNHCR e Ero straniero- L'umanità che fa bene per cambiare il racconto sull' immigrazione e modificare le leggi attuali.

Ingresso libero


Sutera 21 giugno

Mercoledì 21 giugno alle 18 presso l'Auditorium Comunale di Sutera sarà esposta la mostra "Il Rabato abbraccia il mondo" e presentato il libro "Miserie e nobiltà viaggio nei progetti di accoglienza". 

Nell'ambito della Gironata Mondiale del Rifugiato, indetta dalle Nazioni Unite, il Comune di Sutera e l'Associazione "I Girasoli" onlus sono lieti d'invitarvi all'evento SUTERA ABBRACCIA IL MONDO!

“Il Rabato abbraccia il mondo” è un progetto voluto dal Comune di Sutera in collaborazione con l’Associazione “I Girasoli” onlus, gestore del progetto di accoglienza della rete Sprar, e l’Associazione “Kamicos”.
L’iniziativa nasce grazie al lavoro di tanti giovani, suteresi e non, che amano l’antico quartiere arabo e hanno provato ad adottarlo e a riviverlo coinvolgendo gli anziani abitanti del quartiere, donne uomini e bambini beneficiari del progetto SPRAR (Sistema di Protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati) insieme alle tante persone che hanno accolto l’iniziativa con entusiasmo.
Lo scorso anno, a partire dal mese di giugno si sono svolte tra i vicoli, le scalinate e i dammusi del Rabato, diverse attività in forma sperimentale e di workshop.
Durante il Laboratorio di Fotografia un gruppo di bambini, tra i 5 e i 12 anni, ha potuto sperimentare diversi utilizzi del mezzo fotografico. Rielaborando antiche immagini del paese ed esplorando il quartiere con una macchinetta a pellicola usa e getta, hanno imparato ad usare la fotografia come mezzo di conoscenza, interazione e scoperta che predispone all’incontro.
La mostra "Il Rabato abbraccia il mondo" espone il lavoro fotografico realizzato dei bambini.

Il libro "Miserie e nobiltà viaggio nei progetti d'accoglienza"
ed. Tipolito Melli, a cura di Re.co.sol (Rete dei Comuni Solidali) di cui fa parte il Comune di Sutera, racconta ventisei testimonianze da tutta Italia, fra difficoltà e obiettivi raggiunti tra cui quella di Sutera raccontata da Santa Lombardo, coordinatrice del progetto Sprar di Sutera per l'associazione "I Girasoli".
Interverranno:
Giovanni Maiolo del coordinamento nazionale di Recosol;
Giuseppe Grizzanti, Sindaco del Comune di Sutera;
Santa Lombardo dell'Associazione "I Girasoli" onlus, coordinatrice del progetto d'accoglienza di Sutera;
Alfonso Di Stefano della Rete Antirazzista Catanese che racconterà la sua testimonianza, presente nel libro, su un'altra esperienza siciliana, quella del Cara di Mineo.

Alle 20 presso Piazza Zucchetto, gli ospiti del progetto d'accoglienza di Sutera e Milena offriranno cibi e musiche provenienti dei loro paesi di origine.